Odissea Antartica
Nel Mare di Ross, Peter & La Isola di Campbell
M/V Ortelius

Questo viaggio di 33 giorni si unisce al continente sudamericano da Ushuaia alla Nuova Zelanda arrivando al porto di Bluff in Nuova Zelanda. Sulla strada conosciamo le isole Peter e Campbell, il Circolo Antartico per entrare nelle acque del mare di Bellinghausen, poi il Mare di Amundsen a seguire arrivare al Scaffale di ghiaccio Mare di Ross. È un viaggio speciale che attraversa i luoghi più remoti del terra, come Taylor Valley, una delle valli aride che più assomigliano alle condizioni del pianeta Marte sulla nostra Terra. Questo programma può essere fatto in entrambe le direzioni: partendo dal porto di Ushuaia (Argentina) fino al porto di Bluff (Nuova Zelanda) o viceversa. Ricorda che quando viene superata la linea di cambiamento internazionale de data, si vince un giorno o si perde un giorno, se andiamo a ovest vinciamo un giorno (verso l'Argentina) e se siamo ad est perdiamo un giorno (verso la Nuova Zelanda).

Odissea Antartica: Nel Mare di Ross, Peter & La Isola di Campbell

32 giorni -31 notti

I tesori della dell'Antartide continentale e le isole, navigando il spettacolare Mare di Ross con le sue magnifiche piattaforme di ghiaccio, sono alcuni piacevoli sorprese che valgono per questo incredibile viaggio che collega Ushuaia a Bluff, Nuova Zelanda e ritorno dal porto di Bluff a Ushuaia.

Odissea Antartica: Nel Mare di Ross, Peter & La Isola di Campbell

Un vero viaggio di scoperta, che vanno dalle più famose attrazioni della Penisola Antartica alla meno affollata come la isola vulcanica Peter. Un ricco programma di esplorazione lungo i bordi esterni della calotta di ghiaccio nel Mare di Amundsen, il punto di partenza attraverso il quale Roald Amundsen ha ottenuto l'accesso alla piattaforma per raggiungere finalmente il Polo Sud nel 1911. Una navigazione divertente attraverso il Mare di Ross, un tour attraverso i rifugi di esploratori inglesi come Ernest Shackleton e Robert Falcon Scott (solo se le condizioni del ghiaccio sono favorevoli) e la Isola de Campbell completa questo entusiasmante proposta Odissea Antartica.

32 giorni -31 notti

Giorno 1 - Partenza da Ushuaia

Questo fantastico tour inizia alla sera al porto più australe del mondo che si trova a Ushuaia, la capitale della provincia Argentina de Terra del Fuoco. Dopo l'imbarco della nave, il M/V Ortelius passerà dal canale di Beagle, alontanandosi dalla baia verso l'oceano aperto mostrando un bel paesaggio di notte.

Giorno 2 a 3 - In mare.

Durante due giorni la nave si muoverà attraverso il Passaggio di Drake, una breve e agitata rotta di mare tra il continente americano e la Penisola Antartica. Quando arriviamo alla convergenza antartica, c'è una barriera naturale dove le correnti calde dal nord miscela con acqua fredda dal sud determinando una vasta biodiversità, saremo in grado di apprezzare una numerose specie sub-antartiche.

In questa zona si può vedere il magnifico albatro errante, il più grande uccello che vola su queste acque e può misurare fino a 3,5 m; l'albatro capelli grigi, luce ammantata, la specie scuro e nero dai sopraccigli, piccioni e mantello procellarie wilson, blu e anche la Fulmar Antartico meridionale o petrel argento. Non possiamo evitare di menzionare i pinguini Gentoo e sottogola. Vicino alle isole Shetland del Sud, possiamo vedere i primi iceberg che indicano l'arrivo all'Antartide.

Giorno 4 - Attraversando lo stretto di Pendleton

Nel pomeriggio ci avviciniamo alla Penisola Antartica molto vicino al Circolo Polare. Se le condizioni del ghiaccio continueranno attraverso lo stretto di Pendleton per sbarcare nel settore meridionale dell'isola di Renaud, un sito poco visitato dai turisti. È possibile individuare i pinguini di Adelia e osservare spettacolari iceberg innevati con un tocco surreale.

Giorno 5 a 6 - Navigando sul mare di Bellingshausen

Navigare sul mare di Bellingshausen dalla penisola al mare aperto per raggiungere il nostro prossimo obiettivo: L'isola Peter. Attraversando il mare di Bellingshausen è possibile vedere la prima calotta di ghiaccio. Queste acque, che prendono il nome dall'esploratore russo Fabian G. von Bellingshausen, sono distaccate dall'Oceano Antartico, a ovest della penisola tra le isole Thurston e Alessandro I.

Giorno 7 - Peter Island / L'isola Peter

Sulle acque del Bellingshausen, Peter I o il norvegese Peter I Oy è un'isola vulcanica disabitata di 19 km di lunghezza, che è stato scoperto da Fabian G. von Bellingshausen nel 1821 e poi prende il nome dal russo Tzar Peter I. Allo stato attuale, è rivendicata dalla Norvegia perché considerano che è parte del suo territorio e molto sporadicamente ricevere navi da crociera. In sbarchi precedenti, i membri dello staff degli uffici de trasporto hanno avvistato gruppo di elefanti di mare, colonie di procellarie d'argento e fulmari meridionali e piccioni capo. Se il clima è mite e le condizioni del ghiaccio lo consentono, sarà possibile atterrare in elicottero nella zona nord del ghiacciaio dell'isola. È un'opportunità privilegiata, poiché è una delle isole più remote al mondo. L'isola Peter (in inglese: Peter Island) ha una superficie di 720 ettari e la localizziamo nelle Isole Vergini Britanniche, è la più grande delle isole vergini. Molto vicino a L'isola Peter si trova L'isola Dead Chest, un'altra isola completamente disabitata che fa anche parte dell'arcipelago delle Isole Vergini Britanniche.

Giorno 8 a 14 - Tra le acque del Amundsen

Per alcuni giorni andremo attraverso il Mare di Amundsen ed i limiti della piattaforma di ghiaccio. Mentre la barca approfitta della corrente costiera occidentale, se le condizioni sono buone, la barriera dà un quadro chiaro del continente antartico. La navigazione attraverso il ghiaccio è incredibile, con una vista di alcuni pinguini imperatore, gruppi di foche sul ghiaccio e orche galleggiante e balenottere minori lungo il bordo di ghiaccio, di solito accompagnati da diverse specie di procellarie del sud. se il ghiaccio marino è conveniente, cercheremo di sbarcare sulle isole Shephard, tra le colonie di pinguini sottogola e stercorari. Situato nella Terra di Marie Byrd, l'isola è stata nominata dal cognome di uno dei promotori della spedizione americana dal 1939-1941.

Giorno 15 a 17 - Barriera di Ross: la più grande piattaforma di ghiaccio del mondo

La nave si avvicinerà alla piattaforma di ghiaccio Ross, una massa enorme galleggiante con un fronte di 600 km, con una media di 30 metri di altezza. Nella baia delle balene si trovano sul lato est, presso l'isola Roosevelt (chiamato così nel 1934 dal aviatore Richard Byrd in onore del presidente Franklin D. Roosevelt), Roald Amundsen ha ottenuto l'accesso alla barriera e si avventurò al polo sud, dove finalmente è arrivato il 14 dicembre del 1911. Un anno dopo, sarebbe diventata la tomba di Robert Falcon Scott della spedizione inglese e il suo equipaggio mentre tornavano dal loro viaggio al Polo Sud e 'anche l'occasione per tutti i viaggiatori a salire alla magnifica piattaforma. I giapponesi esplorarono anche questa regione nel 1912 (Nobu Shirase). Se le condizioni sono adatte puoi fare atterrare un elicottero sulla piattaforma.

Giorno 18 a 20 - Mare di Ross

Proseguendo nel Mare di Ross, l'obiettivo ora è visitare l'isola di Ross. Qui potete vedere il Monte Erebus, Monte Terror e il Monte Byrd, così come molti altri luoghi famosi che hanno giocato un ruolo importante nelle spedizioni britanniche del secolo scorso: Cape Royds, in cui la casetta di Ernest Shackleton; Cape Evans, dove puoi ancora vedere la casetta di Robert Falcon Scott e Hut Point, dove Scott e i suoi uomini partirono per il Polo Sud.

Se il ghiaccio sta bloccando la strada, ma le condizioni atmosferiche sono favorevoli, possiamo usare gli elicotteri di atterrare in uno o più posti in questa zona. La base scientifica americana della stazione McMurdo e la base scozzese della Nuova Zelanda sono altri posti possibili che possono essere visitati. Dalla stazione McMurdo, si può anche fare una passeggiata di 10 km (6 miglia) a Castle Rock, dove ci sono una vista eccellente la piattaforma di ghiaccio. Inoltre, è possibile effettuare un atterraggio elicottero in Taylor Valley, una delle valli aride che più assomigliano alle condizioni del pianeta Marte sulla nostra Terra.

Giorno 21 a 22 - Esplorando l'inesprimibile

Navigheremo verso nord lungo la costa occidentale del Mare di Ross, oltre la lingua di ghiaccio Drygalski e la stazione italiana di Baia Terra Nova e Cape Hallet. Se le condizioni del ghiaccio lo consentono, atterremo sull'isola Inesprimibile, che ha una storia affascinante in connessione con la meno nota spedizione del Capitano Scott. È anche sede di una grande colonia di pinguini di Adelia. Se il ghiaccio marino impedisce l'ingresso a Baia Terra Nova, possiamo dirigerci più a nord verso l'area protetta di Cape Hallett e la sua colonia Adélie.

Giorno 23 - Capo Adare e la colonia più grande di Adelia

Capo Adare era il luogo scelto per un gruppo di spedizionieri per passare il primo inverno in Antartide. Il rifugio dove norvegese Borchgrevink ha trascorso i giorni freddi del 1899, circondato dalla più vasta colonia di pinguini di Adelia. Questo luogo è stato scoperto da Clark Ross nella metà del secolo XIX e battezzato con il nome di un amico personale, visconte Adare. Le spedizioni più famosi che sfilacciata questa zona sono stati la di Southern Cross e Aurora che ha posto le basi per il loro accampamento, così come la spedizione Terra Nova agli inizi del secolo XX, oggi il campeggio di Terra Nova è sinonimo di rovine.

Giorno 24 - Dal Mare di Ross all'Oceano Australe

Navigando attraverso il ghiaccio marino all'ingresso del Mare di Ross, iniziamo un viaggio verso nord attraverso l'Oceano Australe. L'obiettivo è stabilire un percorso per raggiungere le Isole Balleny, a seconda delle condizioni meteorologiche.

Giorno 25- Isole Balleny, spazzate dal vento

Abbiamo passato l'isola di Sturge nel pomeriggio, ottenendo l'impressione di queste isole remote e battute dal vento prima di attraversare il Circolo Antartico. Le Isole Balleny, in spagnolo le Islas Ballenas, sono un gruppo di isole disabitate di origine vulcanica e con un gran numero di ghiacciai, dalle loro pendici discendono lingue di ghiaccio verso il mare. Le abbiamo collocate nell'Oceano Ghiacciao Antartico, con un'area di 780 km2 e composta da 3 isole principali: Young Island, Buckle Island e Sturge Island, le prime due hanno isolette piccole, mentre Sturge Island non ha isolette.

Giorno 26 a 28 - Navigando nell'Oceano Australe

Ancora una volta, entriamo nella vasta distesa dell'Oceano Australe. Gli uccelli marini sono prolifici in questa fase, durante la quale speriamo di godere di buone condizioni meteorologiche.

Giorno 29 - Macquarie Island

Macca, conosciuta anche come Macquarie Island, è una riserva statale della Tasmania che nel 1997 è diventata patrimonio dell'umanità. La Divisione Antartica Australiana ha la sua base permanente su quest'isola, scoperta dal navigatore australiano Frederick Hasselborough durante la ricerca di nuovi terreni di tenuta. La fauna di Macquarie è fantastica, e ci sono colonie di pinguini re, pinguini Gentoo e pinguini australiani, oltre a quasi un milione di riproduttori del pinguino re endemico. Sono presenti anche elefanti marini e diverse specie di foche di pelliccia, come il sigillo di pelo della Nuova Zelanda.

Giorno 30 - Dirigendosi a nord verso Campbell Island, in Nuova Zelanda

Ci dirigiamo a nord per raggiungere Campbell Island, una riserva sub-antartica della Nuova Zelanda, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, dove sono nidificati i Royal Albatross.

Giorno 31 - Isole Campbell, Nuova Zelanda

Le isole Campbell sono un insieme di isole sub-antartiche della sovranità della Nuova Zelanda. Formato dalla più grande, Campbell e altre tre isole minori: Dent, Folly e Jaquemart. Le isole Campbell, conosciuta in lingua maori Motu Ihupuku è una remota isola nell'Oceano Pacifico, è l'isola principale delle isole Campbell. È una riserva subantartica appartenente alla Nuova Zelanda. È stato dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Famosa la sua esuberante e fiorente vegetazione. A seguito di una scia di lussureggiante vegetazione arriviamo a vedette per osservare i nidi di Royal Albatross, può scattare foto di fauna interessanti, come i pinguini dagli occhi gialli, albatros reali e leoni di mare in Nuova Zelanda che vivono nella Isola Enderby con i pappagalli dalla testa rossa.

Di caratteristiche montuose, l'isola Campbell fu scoperta all'inizio del XIX secolo da un marinaio con il cognome Hasselburgh che navigò intorno alla zona con la sua nave Perseverance, i cui proprietari erano la compagnia australiana Campbell, questa è la causa del suo attuale nome. Per tutto il diciannovesimo secolo la fauna fu devastata a causa della caccia indiscriminata di foche, elefanti, lupi e leoni marini, ma con il passare del tempo si riprese. Anche il topo che è stato introdotto più di 200 anni fa sull'isola, all'inizio del 21 ° secolo, è stato sradicato. Al giorno d'oggi abbondano gli uccelli marini, specialmente l'alzavola di Campbell, che è considerata la più strana di oggi. Anche diverse specie di pinguini, come il pinguino Rockhopper. La fauna è costituita da una colonia di albatros reali, elefanti marini e pinguini, e soprattutto una grande colonia di albatros nella Col-Lyall Saddle.

Giorno 32 - Di nuovo verso l'Oceano Australe

Ammiriamo i vasti orizzonti dell'ultimo giorno di mare prima di arrivare in Nuova Zelanda.

Giorno 33 - Fine dell'Odissea Antartica, arrivando a Bluff, in Nuova Zelanda

Ogni avventura, non importa quanto sia sublime, deve finalmente finire. Sbarca a Bluff, la città più a sud della Nuova Zelanda, per tornare a casa con ricordi che ti accompagneranno ovunque sia la tua prossima avventura. Bluff è il porto della regione del Southland, situato sulle rive del fiume Oreti, è la città più meridionale della Nuova Zelanda. Bluff è vicino a Invercargill, a soli 29 km di distanza.

Note: L'itinerario dettagliato è solo una guida e tutti i programmi sono subordinate alle condizioni prevalenti di ghiaccio e clima della zona, oltre la possibilità per gli atterraggi e le migliori condizioni per l'osservazione della fauna selvatica. Il percorso finale è determinato dal capo spedizione a bordo, considerando che la flessibilità è una priorità in questi spedizioni. Questo programma viene svolto due volte all'anno, durante la prima uscita dal porto di Ushuaia al porto di Bluff in Nuova Zelanda, che dura 34 giorni e 33 notti, è quello sopra descritto. La seconda uscita fa il percorso inverso, parte della Nuova Zelanda per l'isola di Terra del Fuoco con una durata di 32 giorni 31 notti.

La velocità media di crociera per m / v Ortelius è di 10,5 nodi. In questi programmi, le barche Zodiac vengono utilizzate per trasportare l'equipaggio sulla costa. Due elicotteri sono utilizzati nelle aree in cui non è possibile navigare con le barche, come nel caso di Cabo Evans (c'è il rifugio di Scott), Cabo Royds (luogo del rifugio Shackleton), la barriera ghiacciata di Ross, Peter Island e le valli aride. Si calcola di effettuare cinque atterraggi con elicotteri, questi sono un vantaggio per raggiungere luoghi inaccessibili, ma dipendiamo sempre dal bel tempo, dal ghiaccio e da altri fattori naturali. Le condizioni possono cambiare in pochi minuti, il che può influire sull'uso degli elicotteri. La sicurezza è la chiave del viaggio. Ci sono 2 elicotteri, se uno smette di funzionare, le operazioni vengono annullate.

34 o 32 giorni: Attraversando la linea internazionale della data cambia a seconda di quale direzione si attraversa la linea internazionale di cambio data (da Ushuaia a Bluff o da Bluff a Ushuaia), vinci o perdi un giorno (attraversando a ovest vinci un giorno, quando lasci la Nuova Zelanda per l'Argentina, attraversando l'est ti manca un giorno, quando lasci l'Argentina per la Nuova Zelanda. Tieni questo in mente quando calcoli il tempo totale in cui viaggerai. elencato nella durata dell'itinerario rispecchia il tempo reale percorso: 33 giorni.

Mappa del Percorso

 Odissea Antartica: Nel Mare di Ross, Peter & La Isola di Campbell

Servizi

Servizi inclusi:
  • Il viaggio a bordo della nave menzionato come indicato nell'itinerario.
  • Tutti i pasti durante il viaggio a bordo della nave, inclusi snack, caffè e tè.
  • Tutte le escursioni e attività nelle barche Zodiac durante il viaggio.
  • Programma di colloqui di importanti naturalisti e dirigenti responsabili di esperti team di spedizione.
  • Uso gratuito di stivali di gomma e racchette da neve.
  • Transfer del bagaglio dal punto di raccolta alla nave il giorno dell'imbarco, a Ushuaia.
  • Transfer di gruppo con preavviso dalla nave all'aeroporto di Ushuaia (direttamente dopo lo sbarco).
  • Transfer in elicottero dalla nave alla costa (senza un tempo di volo specifico garantito).
  • Tutte le tasse di servizio e portuali durante il programma.
  • Comprensione del materiale prima della partenza.
Servizi non inclusi:
  • Voli aerei regolari o charter.
  • Gestione precedente o successiva a terra.
  • Spese per passaporto e visti.
  • Tasse governative di arrivo e partenza.
  • Pasti non inclusi nell'itinerario.
  • Bagaglio, cancellazione e assicurazione personale (altamente raccomandato).
  • Tariffe per bagaglio in eccesso e tutti gli oggetti personali come lavanderia, bar, spese per bevande e spese di telecomunicazione.
  • La mancia alla fine del viaggio per i camerieri e il personale di servizio di bordo (saranno fornite le linee guida).

Consultare Prenotazione Scarica PDF