Odissea Atlantica-Antartide
Da Ushuaia a St.Helena
M/V Plancius

Il viaggio in Antartide è perfetto perché unisce i migliori angoli del continente bianco, passando per le Georgia e le Isole Orcadi e il Mare di Wedell, con le coste dell'Africa e le splendide isole trovate nell'Oceano Atlantico, alla scoperta dell'arcipelago di Tristan da Cunha e l'isola dell'Ascensione, con la possibilità di continuare la crociera sulle coste di Capo Verde, un viaggio davvero indimenticabile.

Odissea Atlantica & Antartide

34 giorni - 33 notti

Un viaggio da non perdere in Antartide conoscendo le Isole della Georgia del Sud, le Isole Orcadi meridionali, il Mare di Weddell, finendo in direzione nord verso l’arcipelago Tristan da Cunha e l’Isola Ascension, con la possibilità di proseguire la crociera fino alle coste del Capo Verde.

Odissea Atlantica & Antartide

Questo è un itinerario molto speciale perché non copre solo la Penisola Antartica ma anche perché avanza sulle coste dell'Africa navigando le isole dell'Oceano Atlantico. Il viaggio inizia a Ushuaia, come la stragrande maggioranza dei viaggi nel continente bianco, nella nostra prima sezione di navigazione: il Passaggio di Drake. L'inizio della rotta antartica ci porta a superare la Convergenza antartica godendo di un avvistamento completo di petrelli e albatros. Abbiamo visitato la penisola antartica.

Poi continuiamo il viaggio per andare alle Isole Georgia del Sud. Sulla costa meridionale andremo alla famosa stazione baleniera di Grytviken, potendo visitare la tomba di Ernest Shakleton, che raggiunse fare l'impresa più importante di tutta l'umanità e mai superata un'altra persona, quando attraversò in 36 ore le Isole Georgia del Sud, di direzione nord-sud. Di nuovo abbiamo attraversato il limite geografico della Convergenza Antartica, per iniziare la nostra avventura nell'Oceano Atlantico. La nostra prima destinazione è l'isola di Gough, dove è possibile osservare un paesaggio magistrale circondato da una fauna selvatica e pochi scorci in altre parti del mondo. Arrivare qui è un privilegio che pochi possono dare. L'isola di Gough è più comunemente conosciuta come Gonçalo Alvares. Poi nell'arcipelago Tristan da Cunha cerchiamo di sbarcare in Nightingale Island, l'isola più grande dell'arcipelago, circondato da innumerevoli uccelli marini, in particolare osservando un uccello in via di estinzione reali albatros becco sottile.

Negli ultimi giorni del nostro itinerario di navigazione sbarchiamo sull'isola di Santa Elena, per conoscere la cultura del luogo e osservare diverse piante endemiche e uccelli nativi. Aguí Napoleón Bonaparte visse il suo esilio. Possiamo fare immersioni o fare snorkeling, oltre al surf in acque poco profonde.

Seconda fase facoltativa: Possiamo continuare a navigare nella seconda fase del viaggio verso l'obiettivo finale della spedizione: l'isola dell'Ascensione. Ci imbarcheremo sulle barca Zodiac per andare all'Isola degli Uccelli. Il nostro viaggio volge al termine, quelli che desiderano volare con la Royal Air Force (RAF) a Brize Norton nell'Oxfordshire, nel Regno Unito, il resto dei passeggeri può continuare a Capo Verde. Per i passeggeri che sbarcano a Praia, le camere saranno prenotate nell'hotel locale, per depositare i bagagli fino al momento dell'andare in aeroporto o per soggiornare se trascorreranno più giorni a Cabo Verde.

34 giorni - 33 notti

Giorno 1 - Ushuaia

La spedizione è effettuata nel pomeriggio, nel porto di Ushuaia, capitale della Terra del Fuoco (Argentina), la città più meridionale del mondo, situata sulle rive del Canale di Beagle. La barca si allontanerà lentamente dalla costa, mostrando la pittoresca baia e il suo panorama urbano. La navigazione scorre calma per tutta la notte, navigando sul mare fino al Passaggio di Drake.

Giorno 2 a 3 - Stretto di Drake, Convergenza Antartica

Durante 2 giorni, la nave si muove attraverso il Drake Passage, la rotta marittima più breve e più agitata tra il continente americano e la penisola antartica. Quando si raggiunge la convergenza antartica, una barriera naturale dove le correnti calde del nord si mescolano alle acque fredde provenienti dal sud, determinando un'ampia diversità biologica, sono apprezzate numerose specie sub-antartiche.

In questa zona è molto probabile individuare il magnifico albatro errante, l'uccello più grande che sorvola questi mari e può misurare fino a 3,5 m di luce; l'albatro dalla testa grigia, l'albatro dai mantelli chiari e l'albatro dalle sopracciglia nere, i piccioni del Capo e il Wilson, le procellarie blu e antartiche e il fulmar meridionale o petrel d'argento. Non possiamo non menzionare i pinguini Gentoo e sottogola. Molto vicino alle Isole Shetland Meridionali, si intravedono i primi iceberg che indicano l'arrivo in Antartide. Solo nel pomeriggio del terzo giorno puoi vedere le Isole Shetland Meridionali, che sono punite dal vento e sono solitamente coperte dalla nebbia stessa. Possiamo osservare una grande varietà di flora, come muschi, licheni ed erbe con fiori.

Giorno 4 a 7 - Entrando in Antartide

La barca si dirige direttamente verso l'Alto Antartico, lasciandosi alle spalle le isole Melchior e il canale Schollaert, tra le isole Brabante e Anvers. Nella piccola e ripida isola di Cuverville, al riparo della catena montuosa della penisola antartica e sull'isola di Danco, c'è una colonia popolata di pinguini Papua con coppie di skua marroni che scelgono questo territorio per riprodursi. Se sbarchi sulla costa di Danco, puoi vedere i pinguini dei sottogola oltre alle foche di crabeater e Weddell. Puerto Neko è il posto giusto per mettere piede sul continente bianco, ammirando la spettacolare cornice di incredibili ghiacciai che si innalzano al livello del mare. Un giro in barca ti invita ad essere affascinato dalla bellezza del paesaggio circondato da cime innevate. Baia Paradiso, un altro degli straordinari angoli della terraferma, abbonda splendidi iceberg e profondi fiordi, che grazie agli barca zodiac possono circondare e osservare da vicino e anche sorpresi dalla curiosa presenza delle balene megattere e Minke che frequentano la zona. L'itinerario prosegue lungo il canale di Lemaire, un passo meraviglioso che ci porta alle isole Pleneau e Peterman, dove vivono i pinguini di Adelia e i cormorani dagli occhi azzurri. Sono anche ambienti marini frequentati dalle balene Humpback e Minke.

>Alcuni dei siti che si possono visitare sono:

  • Baia Guillermina e Guvernøren L'arrivo a Guillermina Bay ha un obiettivo specifico: l'incontro con le megattere. Abbiamo navigato con le barche Zodiac per raggiungere il luogo in cui si è verificato il relitto spettrale dei Guvernøren, una nave baleniera che ha preso fuoco all'inizio del XX secolo nel 1915. Vediamo più vita marina nelle vicinanze delle isole Melchior, in un paesaggio affollato di iceberg, per avvistare balene, foche leopardo e crabeater.
  • Isola Cuverville Chiamato anche Cavelier de Cuverville, quest'isola scura e scura sul canale Errera è circondata dalle montagne della penisola Arctowski e dall'isola di Rongé, sulla costa occidentale della Terra di Graham. È l'habitat per una grande colonia di pinguini Papua e skau antartici. Alla fine del 19 ° secolo, un navigatore belga Adrien de Gerlache lo scoprì e il suo nome è dovuto a un soldato francese.
  • Isola Danco Su quest'isola possiamo vedere i pinguini Papua che nidificano in questa zona, ma non sono soli, vediamo anche le foche di Weddell e sigilli crabeater che abitano l'isola.
  • Porto Neko Il paesaggio ci coglie, è davvero epico il fantastico grande ghiacciaio coperto di neve che assomiglia a una scultura scolpita dal vento. A Puerto Neko è possibile navigare su barche Zodiac per atterrare vicino alle cime alpine.
  • Baia Paradiso In questa baia possiamo navigare sulle barche Zodiac e avere buone possibilità di avvistare balene megattere e balene Minke.
  • Isole Pléneau & Peterman - Puerto Charcot Se il canale Lemaire è privo di ghiaccio, a seconda delle condizioni meteorologiche navigheremo attraverso questo canale per osservare ai pinguini Adélie, ai cormorani dagli occhi azzurri e alle foche leopardo. Come in Bahía Paraíso, in queste isole puoi vedere balene megattere e Minke. È possibile visitare Puerto Charcot sull'isola di Booth, chiamata anche Wandel, nell'arcipelago di Wilhelm, è un'isola con alte cime come il Monte Wandel, alta quasi 1.000 metri. Puerto Charcot o piuttosto Ensenada Charcot è una baia sull'isola menzionata sopra. Nonostante sia una baia protetta da una collina, riceve i forti venti e le onde del mare e dell'iceberg. In questo luogo vive una colonia di pinguini gentoo, pinguini e cormorani, con la presenza di wedell e foche marine.
  • Isole Melchior Queste isole che si trovano nell'omonimo arcipelago fanno parte della baia di Dallman, devono il loro nome ad un ammiraglio francese. Offrono un paesaggio favoloso pieno di iceberg perché sono bassi e coperti di ghiaccio, molto vicino è il Port Andersen. Possiamo vedere foche leopardo, foche di crabeater e balene, essendo un luogo adatto per il kayak e le immersioni.

Giorno 8 a 9 - Tornando indietro

Mentre la nave si dirige verso il Passaggio di Drake sulla via del ritorno verso il continente americano, diverse specie di uccelli come petrelli e albatros, sterne e cormorani volano sul mare e accompagnano la marcia.

Giorno 10 - Arrivo al porto di Ushuaia

La nave raggiunge il porto di Ushuaia al mattino presto, per sbarcare e terminare la spedizione in Antartide. Quelli che continuano la spedizione nell'isola della Georgia del Sud e poi nell'Oceano Atlantico fino all'isola di Sant'Elena, rimangono sulla nave.

Nota: Tutti gli itinerari descritti sono presentati solo come riferimento. I programmi possono subire variazioni a seconda delle condizioni climatiche e del ghiaccio nell'area, così come l'accessibilità per effettuare gli atterraggi e l'opportunità di osservare la fauna locale. Il percorso definitivo sarà determinato dal leader della Spedizione. La flessibilità è il principio fondamentale per godersi la spedizione in crociera.

Giorno 11 a 14 - Via mare attraversando la Convergenza Antartica verso Isola della Georgia del Sud

Continuamo il nostro percorso di navigazione verso ovest, attraversando la Convergenza Antartica, osservando una vasta quantità di uccelli marini antartici e subantartici. La Convergenza Antartica è anche chiamata zona frontale polare dell’Antartide, si tratta di una linea che rappresenta un confine naturale e non creato dall’uomo, che data dalla differenza di temperatura tra le fredde acque dell’Antartide e quelle temperate che provengono dalle regioni subantartiche. Non soltanto divide due superfici idrogeologiche differenti, ma anche due zone con clima e vita marina diversi. Speriamo di avere il vento favorevole per poter navigare a nord verso l'Oceano Atlantico. Su entrambi i lati della convergenza antartica, osserviamo molte specie e un gran numero di uccelli marini antartici e sub antartici.

Giorno 15 a 17 - Isola della Georgia del Sud, Pianura di Salisbury: pinguini Pe e albatross errante

In questi giorni iniziamo la nostra visita alle Isole Georgia del Sud. Stiamo cercando le principali colonie di pinguini Re dell'Antartide. La fine della stagione è un momento perfetto per vedere i pinguini re con la loro prole appena nata. Il movimento delle colonie è proprio in questo periodo dell'anno, qualcosa che è notato dal movimento fervente che c'è dalla spiaggia al mare. La piana di Salisbury è il punto indicato per osservare questo scenario naturale unico. La grande colonia di pinguini re è accompagnata da elefanti marini e da una moltitudine di giovani lupi di capelli che si agitano tra le onde.

L'isola di Prion è chiusa al turismo nella stagione degli amori, che va dalla fine di novembre all'inizio di gennaio, possiamo vedere giovani di albatros erranti. Faremo anche il tempo per conoscere il vecchio insediamento baleniero di Grytviken, dove i suoi abitanti sono ora i pinguini che vagano per le strade. Oggi a Grytviken troviamo un piccolo museo ed è il luogo dove la tomba di Sir Ernest Shackleton insieme con il suo amico fidato e collega Frank Wild. Cerchiamo anche di sbarcare a Puerto del Oro e nella baia di St Andrews, i cui fantastici paesaggi ci lasciano perplessi e l'alta densità della fauna antartica è inimmaginabile, anche se come dice il nome i pinguini Re sono veramente padroni del posto. Infine, non possiamo lasciare le isole della Georgia del Sud mentre contempliamo quel lavoro naturale perfetto come il fiordo Dryglaski.

Le condizioni meteorologiche determinano le aree che possiamo visitare nelle Georgia del Sud e dove possiamo svolgere attività. Le destinazioni da visitare possono essere:

  • Pianura di Salisbury, Baia St. Andrew’s, Gold Harbour Queste aree non solo ospitano le tre più grandi colonie di pinguini Re nella Georgia meridionale, ma anche tre delle più grandi spiagge di riproduzione delle foche di pelo dell'Antartide nel mondo. Letteralmente, milioni di foche di pelo dell'Antartide si riproducono nella Georgia meridionale tra dicembre e gennaio. Solo durante la stagione media raggiungono il loro picco nel loro ciclo di riproduzione. Guarda i grandi lupi monitorare costantemente (e occasionalmente combattere) i territori in cui dozzine di femmine hanno appena partorito o stanno per partorire. Guarda i tuoi passi e stai calmo quando cammini sulle spiagge in questo periodo.
  • Isola Prion Questo sito è chiuso durante l'inizio del periodo riproduttivo degli albatros errante. A partire da gennaio, gli adulti riproduttivi si sono già riuniti con i loro partner e stanno incubando le uova o si prendono cura dei loro pulcini. Godetevi l'osservazione della natura gentile di questi animali che hanno la più grande apertura alare di qualsiasi altro uccello nel mondo.
  • Grytviken In questa stazione baleniera abbandonata, i pinguini Re vagano per le sue strade e gli elefanti marini abitano i loro dintorni come se fossero i proprietari del luogo - fondamentalmente perché lo sono. Qui è possibile visitare il museo della Georgia del Sud e la tomba di Shackleton.
  • Baia Cooper È una piccola isola coperta di arbusti, situata a sud-est dell'isola di San Pedro, nella Georgia del Sud, con solo 3 km di lunghezza, a nord dell'ingresso del fiordo Drygalski. Il canale Cooper è navigabile e separa l'isola omonima da quella di San Pedro. È una zona priva di roditori ed è stata scelta come zona di protezione speciale dalla grande varietà di uccelli marini come la procellaria gigante bianca, l'albatro, le anatre piquidorados, i pinguini papuasi e soprattutto la presenza di un'importante colonia di pinguini di maccheroni. È una regione favorevole per navigare su barche Zodiac.

Giorno 18 a 22 - Nel mare

Ora entriamo nelle acque subtropicali circondate da uccelli marini e delfini.

Giorno 23 - Isola di Gough & Baia Quest

Cerchiamo di raggiungere l’isola di Gough, con l’intenzione di circondarla, sempre che le condizioni atmosferiche ce lo permettano. Cercheremo di navigare in barche Zodiac attraverso Baia Quest, che è molto difficile e dovremmo sempre essere accompagnati da un buon momento. L'isola di Gough è una riserva naturale di protezione rigorosa e gli sbarchi non sono autorizzati. Negli anni prima, siamo stati capaci di circcumnavigarle tutte in nave, meno quattro miglia della circonferenza di 33 miglia dell’isola, potendo godere di un paesaggio incantevole e di una abbondante vita silvestre senza precedenti. Ci sentiremo molto privilegiati di trovarci tra i pochi viaggiatori che hanno avuto l’esperienza di conoscere l’isola di Gough, in particolare, di vederla così da vicino ed in condizioni così favorevoli. Speriamo di avere la fortuna di ripetere questa esperienza unica con Lei. Si conosce pure con il nome di Gonçalo Alvares; queste isole sono di origine vulcanico, con la cima più elevata il Edinburgh Peak, di 1.000 metri d’altitudine circa.

Giorno 24 a 27 - Arcipelago di Tristán da Cunha

Nell’arcipelago di Tristan da Cunha, raggiungiamo l’insediamento che si trova nella parte ovest dell’isola principale. Faremo il possibile per sbarcare nell’isola Nightingale, dove si possono osservare migliaia di uccelli marini, essendo l’albatro becco fino il più riconosciuto, ed a rischio di estinzione. Durante queste giornate ci copriamo nel caso che il maltempo si abbatta su di noi, e prendiamo una giornata per ovviare a eventuali difficoltà. Questo arcipelago si trova sotto la sovranità britannica ed è costituito da diverse isole, essendo Tristan da Cunha, la più vasta; l’altra isola importante è Nightingale, le altre isole sono direttamente inaccessibili e disabitate.

Nota: Prendiamo in considerazione una giornata di prenotazione in caso di maltempo. Tieni presente che cercheremo di atterrare, tuttavia, a causa delle condizioni meteorologiche non è sempre possibile. Da quando abbiamo iniziato questa Odissea nell'Oceano Atlantico nel 1998 non siamo riusciti a sbarcare il 30% dei viaggi nell'arcipelago di Tristan da Cunha, a causa di condizioni climatiche sfavorevoli.

Giorno 28 a 31 - Nel mare, adesso entriamo in acque subtropicali circondati da uccelli marini e delfini.

Ora entriamo nelle acque subtropicali circondate da uccelli marini e delfini.

Giorno 32 a 34 - L’isola di Sant’Elena

Partiamo per l’isola di Sant’Elena, posto che ci offre un buon ancoraggio e risulta l’ideale per restarci. Su quest’isola abbiamo molte possibilità di godere della cultura locale, in generale, le condizioni atmosferiche sono favorevoli, saremo circondati da piante endemiche e da uccelli propri del luogo. Visiteremo il posto dove Napoleone ha vissuto in esilio. Ci saranno delle opportunità di visitare l’isola per conto vostro, fare dell’immersione subacquea se lo desiderate, facendo snorkelling (con maschera e boccaglio), surfare in acque poco profonde, in un posto dove possiamo trovare una vasta quantità di pesci.

Sant’Elena appartiene allo stesso territorio dell’isola di Ascensione e l’arcipelago Tristan da Cunha, tutte queste isole vulcaniche hanno molti posti in pendenza, essendo Queen Mary´s la cima più elevata nell’arcipelago Tristan da Cunha (2.000 metri). L’isola Sant’Elena presenta un clima tropicale-temperato dovuto all’influenza del mare, a differenza di Tristan da Cunha, dove il clima è meno temperato. Nel pomeriggio, la barca parte per la seconda tappa del viaggio: l'isola di Ascensión e Praia a Cabo Verde, dove è anche possibile sbarcare. Coloro che non proseguono il viaggio sbarcano per prendere il volo di ritorno in Europa.

Primo stadio: Questo viaggio può essere contratto fino al 34 che arriva a Santa Helena Island. Coloro che completano il viaggio saranno trasferiti all'aeroporto di Santa Helena di recente costruzione per l'Europa. Il resto dei passeggeri continua con il viaggio verso l'isola dell'Ascensione.

Mappa del Percorso

 Odissea Atlantica & Antartide

Servizi

Tutte le tariffe indicate sono per persona in dollari, unità monetaria degli USA, sistemazione in camere doppie (con due letti singoli). Le tariffe in dollari moneta statunitense, si applicano a tutte le vendite fuori dall’Europa. Si praticherà lo sconto del 5% sulle prenotazioni per uno o più viaggi consecutivi (tranne per il programma L’Odissea nell”Atlantico). Vi preghiamo di prendere in considerazione che tutte le date ed i prezzi sono soggetti a possibili cambiamenti. Tutti i viaggi richiedono un minimo di 70 passeggeri. La nave “Plancius” può trasportare al massimo 110 passeggeri.

Occupazione individuale (base singola)

Tutte le cabine sono disponibili per occupazione singola, occorre calcolare 1.7 volte in funzione del loro prezzo. (All cabins 1.7 times the share price)

I servizi includono:
  • Viaggio sulla nave come specificato nell’itinerario
  • -Tutti i pasti durante il viaggio a bordo della crociera, includendo gli aperitivi, i caffè e i tè
  • L’ uso libero di stivali di gomma e racchette da neve (calzature)
  • -Il trasferimento regolare dalla nave all’aeroporto di Ushuaia (direttamente dopo lo sbarco)
  • -Tutte le escursioni terrestri e le attività durante tutto il viaggio nei gommoni Zodiac
  • -Programma di conversazioni e conferenze offerte da naturalisti riconosciuti e coordinamento dal gruppo esperto della spedizione
  • -Tutte le tasse stabilite per i vari servizi e le spese portuali durante il programma
  • -Materiale da leggere che serve a informare prima della partenza
Servizi non inclusi:

Le tariffe aeree, sia in voli regolari o charter, nessun servizio prima e /o dopo la crociera, i trasferimenti alla nave; spese di passaporto e di visto; tasse gestite a cura dello Stato all’entrata ed uscita del Paese; pasti fuori dalla nave; i bagagli; le cancellazioni e le assicurazioni personali (si raccomanda prenderle); il supplemento di bagaglio eccedente; e tutte le altre spese personali, per esempio, bucato, snack bar, bevande o chiamate telefoniche, le mance date alla fine del viaggio ai camerieri o all’altro personale di servizio sulla nave.

Secondo l’accordo stabilito, se i prezzi del carburante a livello mondiale aumentassero o superassero gli 80 dollari statunitensi al barile 90 Giorni prima della partenza, OceanWide Expeditions si riserva il diritto di applicare un soprapprezzo di 25 dollari per passeggero per notte, il quale sarà a carico della persona contraente di OceanWide.


Consultare Prenotazione Scarica PDF