Australis in 9 giorni
Da Ushuaia a Ushuaia

Salpa da Ushuaia e rivivi la rotta percorsa da Darwin a bordo della HMS Beagle, in una crociera di spedizione che solcherà i remoti paesaggi dell'Arcipelago della Terra del Fuoco, situato nell'estremità meridionale del Sud-America.

Australis in 9 giorni - Ventus Australis

10 giorni - 9 notti

Navigando sulle navi da crociera Australis e conoscendo Ushuaia, sull’Isola della Terra del Fuoco nel mezzo della Patagonia Meridionale, vicino all’Antartide.

Australis in 9 giorni - Ventus Australis

9 giorni - 8 notti

Da Ushuaia a Ushuaia

La Rotta di Darwin da Ushuaia: Salpa da Ushuaia e rivivi la rotta percorsa da Darwin a bordo della HMS Beagle, in una crociera di spedizione che solcherà i remoti paesaggi dell'Arcipelago della Terra del Fuoco, situato nell'estremità meridionale del Sud-America. Il nostro itinerario di nove giorni ed otto notti include la visita al leggendario Capo Horn, alla storica Baia Wulaia, al Ghiacciaio Alley, alle vivaci colonie di pinguini delle isole Tucker e Magdalena ed agli spettacolari fiordi che accolgono i ghiacciai Pia ed Aguila. Durante il tragitto potrai osservare le enormi estensioni glaciali dello Hielo Continental della Patagonia, gli esuberanti boschi subpolari e le solitarie spiagge di alcune delle isole, ancora oggi territori liberi dall'influenza della civiltà. Potrai godere di una visione unica di come un tempo era il pianeta terra prima dell'esistenza dell'umanità. A metà del viaggio, giunti a Punta Arenas, mezza giornata ti sarà sufficiente per esplorare questa città dalla ricca storia, architettura e cultura Patagonica, per poi intraprendere il viaggio di ritorno ad Ushuaia.

Giorno 1 - Canale di Beagle, Stretto di Magellano.

Nel pomeriggio facciamo il check-in a Ushuaia, in seguito ci imbarchiamo su una delle navi da crociera spedizione di Australis: Via o Stella. Partenza dalla città più a sud del mondo, Ushuaia, navigando sul celebre Canale di Beagle, passando per il Capo Horn e navigando sullo Stretto di Magellano. Il Canale di Beagle costituisce un passaggio marino originato da diverse fasi dell’epoca delle glaciazioni del Quaternario, il quale negli anni successivi è stato dominato dal mare. e delimitato a nord da Ushuaia, e nelle altre estremità da diverse isole australi, quali Stewart, O’Brien, Gordon, Navarino e Nueva, tra le altre. La zona più meridionale del continente sudamericano che delimita a nord con lo Stretto di Drake, anche noto come il Mare di Hoces, è il rinomato Capo Horn. Il Mare menzionato si distingue poiché separa il continente americano dalla Penisola Antartica. Il celebre passaggio che mette in comunicazione le due distese d’acqua marina più grandi del nostro globo, (l’Oceano Pacifico con l’Oceano Atlantico), è il famoso Stretto di Magellano. Situato fra l’Isola Grande della Terra del Fuoco, diverse isole dell’Oceano Pacifico e la Patagonia Cilena, ha una posizione strategica nel confine meridionale del Sud America.

Giorno 2 - Capo Horn (Cile) e Baia Wulaia

Secondo il nostro percorso organizzato in precedenza, continuamo navigando lungo il Canale di Beagle ed il Canale di Murray, per dopo cercar di sbarcare (se il bel tempo ce lo permette in questa giornata) e godere le bellezze naturali del Parco Nazionale Capo Horn. Saremo capaci di renderci conto del nostro arrivo a questo punto meridionale, quando assisteremo all’incontro di un colle di oltre 400 metri di altezza. Questo posto segna il confine più distante dal raggruppamento di isole fuegine, originando il punto più meridionale dell’America del Sud. Si tratta anche del punto che delimita l’estremità nord dello Stretto di Drake, il mare che separa il continente americano dalla Penisola Antartica.

Il Parco Nazionale, situato alla “Fine del Mondo”, è stato dichiarato Riserva della Biosfera dall’ UNESCO nel 2005. Nel pomeriggio sbarchiamo sulla Baia Wulaia, attuale posto archeologico che in tempi passati diede asilo a una delle più grandiose tribù della regione, gli indigeni Yámana. Su questa baia, Fitz Roy che aveva scoperto il Canale di Beagle, ne fece sorgere la principale missione di fede anglicana, durante la sua seconda spedizione accompagnato dal celebre naturalista inglese Charles Darwin. Nel corso del tragitto attraverso la baia, avremo l’occasione di far risaltare i pregi della flora incantevole e del tracciato geografico. Pratichiamo trekking nel bosco magellanico che ci attende con numerose specie di fiori, come la lenga, il coihué, la felce, tra le altre, per poi raggiungere un belvedere da dove abbiamo una veduta panoramica impareggiabile.

Giorno 3 - Ghiacciai Garibaldi & Pía

Al mattino, si entrerà al fiordo Garibaldi, doppo il sbarco cominciaremo a fare un trekking attraverso la foresta della Patagonia meridionale, saliremo alla base di una cascata dell'era glaciale. Coloro che decidono di non raggiungere a piedi il al fiordo Garibaldi, si navigarà verso il ghiacciaio il più vicino possibile per apprezzare il paesaggio. Durante la secondo giornata navighiamo sull’arteria principale del Canale di Beagle, addentrandoci dal nord-ovest di questo canale in Baia Pia, per poi discendere sul Ghiacciaio omonimo. Questo accumulo di neve e ghiaccio nel bacino collettore si inserisce nella catena montuosa Darwin per poi scivolare sulle acque della sua baia.

Giorno 4 - Ghiacciai Piloto e Nena, Seno Agostini e Ghiacciaio Aguila

Durante la nuovo giornata di navigazione, percorriamo le braccia di mare desertiche appartenenti ai Canali Brecknock, Ocasion, e Cockburn per poter raggiungere la nostra prima destinazione: Seno Chico. Il passaggio Brecknock é un canale di poca estensione ma coperto da ole considerevoli e correnti visibili fra le sue numerose isole. Lasciamo questa rotta per addentrarci nel passaggio Cockburn e restare al sicuro dalle immense ole del canale precedente. Finalmente, arriviamo a Seno Chico per poter sbarcare nei gommoni Zodiac attraverso il Fiordo Alakaluf. Il nome di questo fiordo è in onore agli antichi Canoeros (i canoisti) che vivevano allo stato nomade, negli ultimi secoli furono capaci di formare il gruppo etnico Alakaluf, anche noto come Kaweskar. Questi pescatori e cacciatori marini abitavano sugli arcipelaghi, fiordi, e canali circondati dal Golfo di Penas e la Penisola di Brecknock. Ci avviamo, attraverso delle meravigliose cascate, verso gli attesi ghiacciai Piloto e Nena, dove possiamo imparare l’origine dei ghiacciai e la loro influenza sulla regione dei canali patagonici. Una delle esperienze più memorabili sarà il suono che si emette quando si percorrono i vari frammenti di ghiaccio staccati dagli stessi ghiacciai. Proseguimento della traversata verso la Baia del Ghiacciaio Aguila, dove approfitteremo per praticare trekking leggero sulla sua splendida spiaggia, per poi circondare la sua laguna e giungere all’atteso ghiacciaio.

Navigaremo le acque di diversi canali, come Brecknock, Occasioni, Cockburn e Magdalena, con l'obiettivo principale di arrivare al Seno Agostini. Questo è un fiordo situato nella regione di Magallanes e il territorio antartico cileno, la caratteristica del fiordo è lungo e stretto, ha pareti ripide in acque profonde. Divide due settori della Catena montagnosa Darwin, la zona montuosa chiamata Navarro nel sud-ovest con una presenza predominante di ghiaccio e la catena montuosa che copre Monte Buckland nel lontano nord, che prende il nome di un esploratore italiano eccezionale Alberto de Agostini. Nel pomeriggio navigheremo verso Il Ghiacciao Aguila e sbarcaremo e camminaremo lungo la foresta antartica-Patagonia, un luogo estremamente umido e freddo, potremo finalmente incontrare il ghiacciaio Águila situato nel Parco Nazionale Alberto de Agostini. Vale la pena fare il viaggio in questo luogo maestosi dove possiamo sentire che siamo molto piccoli nel mezzo di questo posto incredibile.

Giorno 5 - Isola Magdalena e Punta Arenas

Durante la prossima giornata di navigazione, partiamo per l’Isola Magdalena per cercar di sbarcarci allo spuntar del giorno. Questo angolo naturale si distingue per formare insieme all’Isolotto Marta, il Monumento Naturale ai Pinguini, uno dei più significativi branchi di pinguini della Patagonia Cilena. Un’altra attrattiva importante dell’isola è il suo Faro, un’antica casa-faro, dichiarata Monumento Storico Nazionale, che serve da guida ai navigatori che attraversano lo Stretto di Magellano. Si farà trekking verso questa elevata torre luminosa per poter apprezzare le diverse meraviglie naturali che ci offre questa regione, come la prestigiosa colonia di pinguini magellanici.

Se facciamo questa traversata da spedizione durante i mesi di settembre e aprile, sostituiremo quest’esperienza con lo sbarco sull’Isola Marta per godere dei lupi marini che potremo osservarne dalle nostre imbarcazioni Zodiac. Si realizza questa sostituzione poiché le colonie da riproduzione di pinguini rimangono sull’isola soltanto da ottobre fino alla fine di marzo ogni anno.

Giorno 6 - Baia Ainsworh e Isolotto Tucker

Cominciamo la nostra seconda giornata di navigazione allo spuntar del giorno, vicino al Seno Almirantazgo, fiordo situato sulla costa ovest della Terra del Fuoco. Fra l’importante biodiversità marina e sottomarina di questo luogo, possiamo avvistarvi degli elefanti marini e degli albatri dal sopracciglio nero.

In seguito, facciamo la prima discesa sul Ghiacciaio Marinelli della Baia Ainsworth, il ghiacciaio più grande fra quelli che ne provengono dal Campo di Ghiaccio della Cordigliera di Darwin. Questo colosso ci farà restare meravigliati dalle sue immense pareti di ghiaccio che raggiungono una altezza media di 40 metri. In questo luogo facciamo delle passeggiate per poter avvistare la fauna diversa e la natura del bosco magellanico circostante: Dighe costruite dai castori e colonie di elefanti marini che contrastano con un paesaggio inverosimile.

Più tardi partiamo verso l’Isolotto Tucker, punto che stabilisce il confine nord-ovest del Canale Whiteside. A causa del suo origine sedimentario e della sua posizione, la regione è diventata un territorio di grande valore riguardo ai nutrienti naturali, dando luogo alla meravigliosa fauna della quale saremo testimoni.

Navighiamo in gommoni Zodiac per poter assistere alla presenza di diversi uccelli marini, quali i cormorani, i chimango (di colore marrone scuro), gli stercorari e i pinguini magellanici, tra gli altri. Nel caso che non sia possibile avvistare dei pinguini, poichè se ne vanno in aprile, si compierà un percorso alternativo verso la Baia Brookes, su cui sbarcheremo per praticare trekking nelle vicinanze del ghiacciaio. Questa baia molto profonda, raggiunge il suo punto massimo nella Cordigliera di Darwin. La baia è molto nota a causa delle numerose cascate d’acqua che si formano nelle sue scogliere e le imponenti catene montuose. Durante la passeggiata possiamo godere delle bellezze naturali e di fiori nascoste nel suo bosco. Troveremo dei ñire (alberi tipici della Patagonia di foglie polimorfi), una regione di tundra, dei delfini australi, cormorani e lontre, tra le altre specie.

Giorno 7 - Ghiacciaio Pia e Viale dei Ghiacciai

Durante la terza giornata navighiamo sull’arteria principale del Canale di Beagle, addentrandoci dal nord-ovest di questo canale in Baia Pia, per poi discendere sul Ghiacciaio omonimo. Questo accumulo di neve e ghiaccio nel bacino collettore si inserisce nella catena montuosa Darwin per poi scivolare sulle acque della sua baia.

Proseguimento della nostra traversata in direzione nord-ovest del Canale di Beagle in modo che possiamo contemplare il maestoso “Viale dei Ghiacciai”, paesaggio stretto sul Canale di Beagle, in cui possiamo vedere lo scorrimento di numerose lingue glaciali che discendono dalla Cordigliera di Darwin verso il mare. La denominazione di questo paesaggio è in onore ai ghiacciai che si trovano particolarmente situati l’uno vicino all’altro e a poco tempo di navigazione fra loro. I ghiacciai che lo formano sono i seguenti: Ghiacciaio Germania, Italia, Francia, Spagna, Olanda e Romanche.

Giorno 8 - Capo Horn e Baia Wulaia

Visiteremo Capo Horn. Per raggiungere il nostro obiettivo dobbiamo navigare attraverso il Canale di Murray e raggiungendo Baia Nassau _ entreremo al Parco Nazionale di Capo Horn, seconda delle condizioni atmosferiche vedremo se è possibile sbarcare. Questo promontorio è stato scoperto nei primi anni del secolo XVII, ha una elevazione alta più di 400 metri. È stato considerato per molto tempo una rotta di navigazione per le navi _ che attraversavano da un oceano all'altro, lasciando il acque agitate del Passaggio di Drake per raggiungere le fresche acque del Pacifico. Nel 2005 è stato chiamato Riserva Mondiale della Biosfera. Dopo mezzogiorno, cerchiamo di fare un atterraggio asciutto in Baia Wulaia _, un insediamento per gli indiani Yagan storicamente famosa per l'arrivo del HMS Beagle dove il Capitano era Fitz Roy e portava il ricercatore Charles Darwin nel 1933. Faremo una passeggiata circondato da conifere autoctone e faggio, coihues, cannella e felci che veste questa foresta antartica di Magellano.

Giorno 9 - Arrivo alla città di Ushuaia

La mattina sbarchiamo a Ushuaia, la città della fine del mondo. Già sbarcati a terra, avremo l’opportunita di percorrerla (per conto nostro), visitando i suoi punti d’interesse principali, come il Parco Nazionale.

Mappa del Percorso

 Australis in 9 giorni - Ventus Australis

 Australis in 9 giorni - Ventus Australis

Servizi

I servizi includono:
  • Sistemazione a bordo della nave durante il viaggio
  • Carriage secondo itinerario
  • I pasti incluse le bevande, birra o vino
  • Escursioni a terra
  • Intrattenimento a bordo
Servizi non inclusi:
  • Lavanderia
  • Onboard Comunicazioni

Stagione 2017-2018

Prezzi: M/V Ventus Australis USH-USH / PUQ-PUQ
Cabine Bassa Alta
8Notti 8Notti
B 3.240 USD 4.136 USD
A 4.338 USD 5.323 USD
AA 4.547 USD 5.575 USD
AAA 4.759 USD 5.843 USD
AA SUPERIOR 5.729 USD 6.961 USD
AAA SUPERIOR 5.996 USD 7.297 USD
Partenze: M/V Ventus Australis USH-USH / PUQ-PUQ
PARTENZE Ventus Australis 8 Notti USH-USH Ventus Australis 8 Notti PUQ-PUQ
GENNAIO 2018 6 14 22 30 2 10 18 26
FEBBRAIO 2018 8 16 24   4 12 20 28
MARZO 2018 4 12 20 29 8 16 25  

Informazioni Generali

Vestiti

Condizioni

Contrato del biglietto: L'accettazione del biglietto implica un accordo sui termini e condizioni dei Trasporti Marittimi Terra Australis S.A. e Trasporti Marittimi Via Australis S.A. (di seguito denominati "le compagnie") per il trasporto di passeggeri

Prenotazioni, versamenti e pagamenti: Si richiede un versamento di US$ 200 a persona per garantire una prenotazione possibile. "Le compagnie" devono riscuotere il saldo 45 giorni prima di salpare.

Politiche de cancellazione: Sl'annullazione della prenotazione dovrà essere comunicata per scritto, e dal momento della ricezione "le compagnie" applicheranno le multe qui di seguito indicate:

Notifiche
Notificazione Multa Multa
120 Giorni o di più prima di salpare US$ 0
Tra 119 y 60 Giorni prima di salpare US$ 300 (versamento)
Tra 59 y 50 Giorni prima di salpare 25% del prezzo di vendita
Tra 49 y 40 Giorni prima di salpare 50% del prezzo di vendita
Tra 39 y 30 Giorni prima di salpare 75% del prezzo di vendita
Tra 29 y 0 Giorni prima di salpare 100% del prezzo di vendita

Politica per Bambini:

  • Bambini dai 0 ai 3 anni dispensati, se condividono il letto con i suoi genitori
  • Bambini dai 4 ai 12 anni, 50% di sconto se condividono la cabina con un adulto

Tariffe e partenze: "Le compagnie" si riservano il diritto di modificare le tariffe e le date delle partenze pubblicate sul dépliant, senza preavviso.

Condizioni della crociera: Le tariffe includono sistemazioni, trasporto via mare, tutti i pasti, bar aperto (vini, bevande e liquori gratis), escursioni a terra e trattenimenti a bordo. Non sono compresi i giri opzionali né i trasferimenti in porti.

Forma di pagamento: Si accettano traveller's cheque, dollari americani, euro, pesos cileni, bonifici e le carte di credito Mastercard, Visa, American Express e Diners.

Abbigliamento richiesto: Si richiedono scarponi per tutti i passeggeri.


Consultare Prenotazione Scarica PDF